La terapia FIR (Raggi infrarossi lunghi) è efficace nell’alleviare il dolore nei pazienti con dolore cronico, Sindrome da stanchezza cronica e Fibromialgia, e si ha un aumento dell’efficacia abbinandola ai campi elettromagnetici pulsati CEMP. L’obiettivo che ci siamo posti nella realizzazione dei materassini biomagnetici ad infrarossi BS-NT050 e BS-DKY018 è stato quello di trovare un valido aiuto e supporto alle persone che soffrono di questa patologia devastante sia dal punto di vista fisico che psichico. L’idea è di fornire loro una comoda apparecchiatura da poter usare tranquillamente nella comodità della propria casa, che sia in grado di ridurre o addirittura eliminare i farmaci antidolorifici, con i ben noti molteplici effetti collaterali, e al tempo stesso migliorare la loro “Qualità della vita”.

La sindrome fibromialgica e una forma comune di dolore muscolo-scheletrico diffuso e di affaticamento (astenia) che colpisce approssimativamente 2 milioni di Italiani. Il termine fibromialgia significa dolore nei muscoli e nelle strutture connettivali fibrose (i legamenti e i tendini). Questa condizione viene definita “sindrome” poichè esistono segni e sintomi clinici che sono contemporaneamente presenti. La fibromialgia interessa principalmente i muscoli e le loro inserzioni sulle ossa ed è in effetti una forma di reumatismo extra-articolare o dei tessuti molli. Sebbene possa assomigliare ad una patologia articolare, non si tratta di artrite e non causa deformità delle strutture articolari. La sindrome fibromialgica non e diagnosticabile con esami di laboratorio ed infatti attualmente la diagnosi dipende principalmente dai sintomi che il paziente riferisce. Alcune persone possono considerare questi sintomi come immaginari o non importanti. Negli ultimi 10 anni, tuttavia, la fibromialgia e stata meglio definita attraverso studi che hanno stabilito le linee guida per la diagnosi. Questi studi hanno dimostrato che certi sintomi, come il dolore muscolo-scheletrico diffuso, e la presenza di specifiche aree algogene alla digito-pressione (tender points) sono presenti nei pazienti affetti da sindrome fibromialgica e non comunemente nelle persone sane o in pazienti affetti da altre patologie reumatiche dolorose.  

I 18 tender point per il riconoscimento della patologia

Chi ne soffre sa quanto sia difficile ritagliarsi una vita accettabile

Con questi prodotti ci si pone l’obiettivo di riuscire a gestire meglio il dolore, eliminando o riducendo fortemente l’uso di farmaci.
Elenchiamo qui di seguito i benefici che apporta l’uso corretto e prolungato nel tempo del materassino biomagnetico ad infrarossi e biofotoni nel malato fibromialgico:

· Minore tensione muscolare
· Minore rigidità mattutina
· Riduzione di crampi alle gambe e contratture muscolari
· Riduzione del dolore per l’azione antinfiammatoria e antalgica della magnetoterapia pulsata
· Minor confusione mentale per l’effetto della vasodilatazione che implementa l’ossigenazione cellulare
· Miglioramento della qualità del sonno con tendenza ad eliminare i problemi di insonnia legati a questa patologia. Questo è dovuto all’effetto benefico della ipertermia che distende la muscolatura creando un effetto rilassante
· Stimolazione della produzione di endorfine che contrastano lo stato depressivo classico del paziente fibromialgico. Inoltre, la stimolazione FIR allevia la depressione nei pazienti con insonnia aumentando la serotonina e riducendo i livelli di malondialdeide
· Riduzione del senso di stanchezza e spossatezza generale per effetto della rigenerazione cellulare che dona maggior energia all’organismo 

L’uso costante rappresenta, quindi, un’integrazione sicura ed efficace nel trattamento dei sintomi associati alla fibromialgia migliorandone la gestione nel tempo in quanto miorilassante, calmante e antidolorifico.  

Tutti conosciamo gli effetti del clima umido, ed in particolar modo le persone che abitano in Pianura Padana che purtroppo ci convivono tutto l’anno. L’umidità è presente sia con il caldo che con il freddo e questo purtroppo lo sappiamo bene, perchè con l’arrivo dell’estate arriva anche la penosa e mal sopportata afa.
L’umidità penetra nel corpo e una volta entrata è assai difficile da eliminare. Avete presente un muro umido in casa? Serve un pò di calore ma soprattutto una buona ventilazione locale. Tradotto in modo semplice bisogna far circolare il sangue localmente e muovere l’energia.
L’unica soluzione benefica è riscaldare internamente il corpo utilizzando raggi infrarossi lunghi, che scaldano il corpo internamente in profondità e aumentano la circolazione sanguigna, oltre che l’ossigenazione del sangue.
Quando c’è molta umidità nell’aria molte persone avvertono dolori alle ginocchia, alla schiena, tra le scapole, alla cervicale perchè i reumatismi provocati dal maltempo, ma sopratutto dall’umidità, sono tra i più dolorosi ed insopportabili ed aumentano con il peggiorare del tempo.
Anche i medici confermano che temperature più rigide accompagnate dall’umidità provocano effettivamente un acutizzarsi della sintomatologia dolorosa, perchè molti sono i pazienti che sottolineano questo aspetto.
Ma in particolar modo le persone che soffrono di fibromialgia, perchè vivono in uno stato di dolore costante e, in un ambiente ricco di umidità, questo fenomeno viene amplificato all’ennesima potenza. E’ sufficiente spostarsi per un solo giorno in montagna, dove il clima è più secco seppur molto freddo, per sentire i dolori attenuarsi. Inoltre, con una una precisione assoluta, il malato fibromialgico avverte già dal giorno prima il peggioramento del tempo o l’arrivo di una perturbazione, per il cambio della pressione atmosferica, con un malessere generale e diversi dolori muscolari e articolari che iniziano a manifestarsi in varie parti del corpo.
Secondo la medicina cinese i dolori articolari sono collegati ad un ristagno di umidità interna, che si localizza proprio nelle articolazioni, con scarsa circolazione energetica e irrorazione sanguigna, con dolore, gonfiore e rigidità più o meno variabili.